CASA POUND COMUNICA

 
   


  cuore nero.png

logo CASA POUND.jpg


     Statua incappucciata, strage dimenticata!

 

Questa notte miltanti di “Cuore Nero- CasaPoundItalia Milano” hanno incappucciato le statue di Leonardo Da Vinci in piazza della Scala, di Baracca nell’omonimo piazzale, del frate in via Osoppo e in via Muratori a Milano per evitare, solo a loro, di assistere alla continua strage che si sta consumando nei posti di lavoro in Italia. Più di 2500 incidenti al giorno, tre morti quotidiane, 27 invalidi permanenti, per un bilancio complessivo che solo nel 2007 ha raggiunto le 1.200 vittime. Dati che saranno purtroppo confermati se non superati quest’anno. Il tutto nella quasi indifferenza generale. “Aderiamo anche a Milano – dichiarono Francesco DoppioMalto e Marchino,rispettivamente portavoce di CuoreNero-CasaPoundItalia Milano e responsabile di CasaPoundItalia Milano- all’iniziativa che si è svolta in tutta Italia per sensibilizzare le coscienze delle autorità preposte e della società milanese, troppo a nostro giudizio distratte riguardo la tematica delle morti sui posti di lavoro. Nonostante le cifre dimostrino che si tratta di una strage. Dimenticata. Noi chiediamo di rivedere le norme che, per esempio, regolano le ispezioni nei cantieri di lavoro. Queste ispezioni non possono essere annunciate alle aziende ma vanno esercitate di sorpresa”.
“Contro lo scempio sociale delle morti sul lavoro,” – sostiene Gianluca Iannone, responsabile nazionale di CasaPoundItalia – “CasaPoundItalia vuole aprire gli occhi di quegli italiani che qualcuno vorrebbe distratti dalle avventure, certo socialmente fondamentali, di ex parlamentari comunisti alle prese con reality e rotocalchi. Contro la disintegrazione dello stato sociale e della dignità del lavoro ormai non più contrastata da alcuna delle forze politiche sedicenti progressiste, CasaPound Italia ha nella notte deciso di incappucciare in tutte le città italiane le statue dei padri della patria per evitare ai loro occhi la vista di un dramma che ha responsabilità chiare, precise, evidenti. Responsabilità alla luce delle quali le lacrime da coccodrillo di politici, istituzioni, potentati e soprattutto sindacati danno semplicemente il voltastomaco”.
“Perché” – conclude Iannone – “non ci può essere Nazione dove padri e madri, figli e figlie continuano ad essere sacrificati ogni giorno sull’altare del calcolo, della speculazione, dell’usura”.

 

 

  Uff. Stampa “Cuore Nero-CasaPoundItalia Milano”

CASA POUND COMUNICAultima modifica: 2008-11-27T17:02:00+00:00da eretico4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento