STATE BONI, SI POTETE !

Fernandodue.jpgNecessario e spero utile questa volta sia l’appello di San Filippo Neri ai suoi adolescenti romani…
Mi è stato segnalato che lunedì 24 v’è sta una conferenza e cena all’albergo romano “Leonardo da Vinci” del benemerito CIRCOLO DEI SENIORES, in concomitanza con la riunione di CONTINUITA’ IDEALE all’albergo “Massimo d’Azeglio”, con cena e splendida conferenza di Memmo Caporilli su Ettore Muti, di cui ho riferito, e che conto di pubblicare anche quì; peraltro coronata da amplissimo successo !

Mi dispiace della concomitanza, che personalmente mi era del tutto sfuggita partecipando alla conferenza di Caporilli; e sfuggita lo era anche ai miei cari commensali, che saluto affettuosamente, e che so assidui lettori di questo blog.

Sono certo e lo spero vivamente: non sia stata intenzionale da parte degli organizzatori dei due importanti circoli della nostra comunità umana, storica e politica. Nè intenzionale da chi organizzava per ultimo …

Le incomprensioni tra vecchi camerati che si conoscono, si stimano, hanno lottato insieme, sempre insieme, anche in anni duri e durissimi per la nostra parte, e si vogliono bene, da una vita, e tra i quali sovente sussistono legami di famiglia, di affetto, ormai da generazioni, possono e debbono essere superate.

Qualcuno in questa sede e altrove mi ha definito “super partes”. Lo ringrazio dell’apprezzamento. Certo che ho cercato e cerco sempre oltre ogni limite del rispetto umano, col necessario equilibrio, e l’utile buon senso, di fomentare la ricomposizione, oltre che tra le anime di un mondo composito quanto a suggestioni e orientamenti culturali, tra i cuori degli individui, delle persone, dei camerati di una battaglia comune che percorre tutta la nostra vita, e talora intere generazioni in successione nelle stesse nostre famiglie.

E poi francamente dovrebbe preoccuparci l’assenza o la rarità di iniziative culturali, non la ridondanza o addirittura la casuale o meno concomitanza, che voglio credere davvero casuale, non malevola, non segnata da piccola ripicca, e non “concorrenziale”.

E poi, Camerati, ove anche vi sia stata, a caldo, rispetto ad una son certo passeggera incomprensione, un’attitudine “concorrenziale” tra i due circoli, o meglio tra un dirigente dell’uno verso un dirigente dell’altro; stante il grande interesse destato dal tema affrontato dal Caporilli, la vita e la morte di Ettore Muti, credo debba cadere con ogni confronto, ogni personale malumore. Anche per rispetto ai camerati che hanno affollato le sale dei due alberghi romani, ignari di dispiacere questo o quel camerata ! Ignari di finire sull’una o l’altra lavagna, in una disputa priva di senso, che rischia di diventare adolescenziale. Tanto da rinviarci alla pazienza di San Filippo Neri.

Vorrei tanto, e credo di interpretare il desiderio dei più, che nell’imminenza delle festività, come usa tra l’Immacolata e il S. Natale, si possa organizzare tutti d’accordo, un’unica bella serata prenatalizia della nostra comunità umana, storica e politica, così come facemmo per celebrare il 28 Ottobre, con un’unica conferenza culturale e cena cameratesca. Abbracciandoci e scambiandoci gli auguri. Senza più concorrenze e certamente senza protagonismi. Magari concordando tema ed oratore.

Non saranno ancora le abjure di qualcuno a dividerci, anche perchè nessuno le ha condivise, nè mai le condividerà, nell’uno e nell’altro circolo. Ma nel deplorarle diversa fu ed è la sensibilità e il tono, oltre che per taluno l’opportunità del luogo e l’occasione; non l’essenza della deplorazione. Che è assoluta.

Al nostro stile, abbiatemi Vostro aff.mo,

Fernando Crociani Baglioni

STATE BONI, SI POTETE !ultima modifica: 2008-11-27T15:43:00+00:00da eretico4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento