Menzogne e falsi storici contro Pio XII

Pio XII.jpg

Mentite, amici miei, mentite. Qualcosa resterà sempre (lettera di Arouet François Marie, detto Voltaire, a Thiriot, 21 ottobre 1736)

Grave errore di due ricercatori rilancia false accuse contro Pio XII
Sbagliano la data di un documento e accusano il Papa di una cosa non accaduta,
di Jesús Colina

ROMA – Un documento presentato come prova dell’indifferenza di Pio XII di fronte alla “razzia” degli ebrei di Roma contiene un gravissimo errore di datazione da parte dei ricercatori che lo hanno presentato: il testo era stato scritto prima di quei terribili fatti.
Contrariamente a quanto hanno affermato i due ricercatori che hanno diffuso le “rivelazioni”, non si tratta inoltre di un documento inedito: era già stato pubblicato nel 1964 ed era ampiamente noto agli storici.
Domenica scorsa, l’agenzia ANSA ha pubblicato una nota per presentare le rivelazioni di Giuseppe Casarrubea e Mario Cereghino, che hanno ritrovato negli archivi britannici un documento che secondo loro era datato 19 ottobre 1943, cioè tre giorni dopo la razzia degli ebrei di Roma da parte dei nazisti.
Nel documento, l’incaricato di affari americano Harold Tittman riferiva al Governo USA del suo incontro con Papa Eugenio Pacelli, che “invece di indignarsi per la deportazione di oltre mille ebrei romani si mostra in forte ansia per ‘le bande comuniste che stazionano nei dintorni di Roma’”, secondo l’interpretazione del documento offerta dall’ANSA.
Come ha spiegato in un messaggio inviato a ZENIT il professor Ronald Rychlak, della University of Mississippi, autore di alcune ricerche su Pio XII, i ricercatori hanno commesso un gravissimo errore nella lettura della data.
“Il messaggio trascritto a Washington da Harold Tittmann è datato 19 ottobre, ma c’è un errore. I resoconti vaticani mostrano che l’incontro tra Tittmann e il Papa ebbe luogo il 14 ottobre”, afferma.
“L’Osservatore Romano del 15 ottobre 1943 riportava infatti in prima pagina che Tittmann era stato ricevuto dal Papa in un’udienza privata il 14 ottobre 1943”, mentre la razzia contro la Comunità ebraica avvenne il 16 ottobre.
“A quanto pare, un 14 è stato letto erroneamente come un 19”, osserva Rychlak. “Il Papa non menzionava la retata degli ebrei perché non era ancora avvenuta!”.
“La sua preoccupazione era che un gruppo di comunisti commettesse un atto violento, e questo avrebbe portato a serie ripercussioni. Ovviamente, dimostrò di essere nel giusto la primavera seguente”, conclude il professore.

Un “inedito” pubblicato 46 anni fa
In queste rivelazioni figura un altro grave errore, dato che gli storici le hanno presentate come inedite all’ANSA. Il documento in realtà era già stato pubblicato nel 1964 ed è ampiamente conosciuto dagli storici. Si trova nella serie Foreign Relations of United States (FRUS), ed è inserito nel secondo dei volumi relativi al 1943, a p. 950.
Nel suo blog Andrea Tornielli, vaticanista de Il Giornale, ricorda che Casarrubea e Cereghino non sono nuovi a questo tipo di “rivelazioni”. “Nell’ottobre 2008 spacciarono per inedito un documento per usarlo contro Pio XII (sempre rilanciato dall’ANSA) e furono costretti a scusarsi, come si può leggere sul sito  vaticanfiles.splinder.com”.
Sulla questione si è espresso anche il prof. Matteo Luigi Napolitano, docente di Storia delle relazioni tra Stato e Chiesa e di Storia dei trattati e politiche internazionali dell’Università di Urbino, che sulla pagina I segni dei tempi ha affermato che il documento citato da Casarrubea e Cereghino è noto anche in traduzione italiana, essendo stato pubblicato da Ennio Di Nolfo nel suo libro “Vaticano e Stati Uniti: dalle carte di Myron Taylor” (Milano 1978, ripubblicato nel 2003).  
Il documento che i due ricercatori dicono “inedito”, ricorda, è stato presentato e discusso nelle biografie e in molti saggi su Pio XII, “libri che evidentemente Casarrubea e Cereghino non si sono dati la pena di leggere, continuando a spacciare come ‘nuove’ e ‘inedite’ cose che gli storici, quelli seri, conoscono e discutono da anni”.

(Agenzia Zenit del 2 febbraio 2010 )

__________________________

Il materiale da noi pubblicato è liberamente diffondibile, è gradita la citazione della fonte: http://www.centrostudifederici.org

Archivio dei comunicati: http://www.centrostudifederici.org/stampa/stampa.htm

Per cancellarsi dalla lista: info@centrostudifederici.org

Menzogne e falsi storici contro Pio XIIultima modifica: 2010-03-03T06:55:00+00:00da eretico4
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento